Tutte le interviste

Nome Cognome Dal Al
Argomento Dal Al
Ricerca Dal Al

Risultati della ricerca: 597

Una Città 285 / 2022
SONO LORO
Intervista a Enrico Deaglio di Gianni Saporetti
Due fratelli che se ne stavano al nord e hanno fatto tutto loro per decenni, indisturbati, perché godevano di una “favolosa protezione”, e quando sono stati presi tutto è cessato, nessuno è stato più ucciso e nessuno ha più indagato su dove fossero finiti i soldi prodotti per un decennio dal narcostato più importante del mondo; Sindona, Calvi, la consegna di Riina e chi mise l’esplosivo a Capaci, legato ai Servizi, “suicida” in carcere... Intervista a Enrico Deaglio.

Una Città 284 / 2022
IL CUORE DELL'EUROPA
Intervista a Raphaël Glucksmann di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Ricordiamoci che gli ucraini nel 2014 scesero in piazza con le bandiere dell’Unione europea; ora lì è in gioco l’avvenire dell’Europa per i prossimi decenni; oltre al sostegno militare, a sanzioni più efficaci, è decisiva l’entrata dell’Ucraina nella Ue; la necessità di una forte difesa europea a fronte del fascismo espansionista russo e quella di liberarsi della mentalità da puri “consumatori”, innanzitutto nei rapporti con la Cina. Intervista a Raphaël Glucksmann.

SE PENSIAMO AL GENOCIDIO ARMENO...
Intervista a Simone Attilio Bellezza di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Un senso di appartenenza costruito a partire dalla lotta per la democrazia, che è alla base dell’identità ucraina ed è questo che ha scatenato la furia di Putin e la conseguente volontà di resistenza degli ucraini, in nome dell’Europa contro la “dittatura euroasiatica”; il rischio che il russo diventi la lingua del nemico e che si perda il bilinguismo; a Bucha sono stati uccisi tutti gli uomini e i capi della comunità: una pratica genocidiaria. Intervista a Simone Attilio Bellezza.

Una Città 283 / 2022
NON CI SAREMMO PIU’
Intervista a Oxana Pachlovska di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Cosa significava denazificare? Significava distruggere l’Ucraina e la sua cultura fatta di pluralismo, multiculturalismo, multilinguismo; una “bulimia politica” che da sempre caratterizza la Russia; l’ordine di fare come nei Balcani: violentare, uccidere, razziare; senza la resistenza degli ucraini oggi Kiev sarebbe come Bucha; Putin è riuscito a seminare in Ucraina un odio per i russi, che non c’era, e che ora durerà per decenni. Intervista a Oxana Pachlovska.

LA DEMOCRAZIA SOVRANA
Intervista a Antonella Salomoni di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
La frustrazione della fine dell’impero sovietico e l’involuzione in una democrazia basata sulla sovranità e sulla “civiltà russa“, con forti accenti reazionari e conseguenti epurazioni nella scuola, nel mondo della cultura e della ricerca; la “tutela dei compatrioti”, cioè di coloro rimasti esclusi nella disintegrazione dell’impero; le nuove regole della cittadinanza; la prima volta nella storia russa di un attacco a Lenin. Intervista ad Antonella Salomoni.

LA MORSA DI FERRO DELLA MADREPATRIA
Intervista a Maxim Grebenyuk di Meduza
Mentre la guerra della Russia all’Ucraina continua a imperversare, sulla stampa affiorano sempre più storie di soldati russi che si rifiutano di svolgere il servizio militare per non partecipare alle battaglie; casi di alto profilo, o molto numerosi, di diserzioni per insufficienti cure o per informazioni scorrette sulle missioni; un sistema che, per tutelare la segretezza sul reale rendimento dell’esercito, evita le controversie legali. Intervista a Maxim Grebenyuk.

"CHE VUOL DIRE 'DISPERSO IN COMBATTIMENTO'? MIO FIGLIO E' MORTO?"
Intervista a Tatyana Yefremonko, Yulia Tsyvova di Meduza
Meduza intervista le madri dei soldati di leva in servizio sul Moskva, l’incrociatore da guerra russo colpito il 13 aprile scorso e affondato il giorno seguente.

Una Città 282 / 2022
FRA PUTIN E LA DEMOCRAZIA LIBERALE
Intervista a Jeffrey C. Isaac di Stefano Ignone
Il necessario sostegno, anche militare, della Nato a un’Ucraina che deve difendersi dall’invasione ingiusta e brutale e, insieme, la prudenza nell’evitare una precipitazione possibile in una guerra generale, potenzialmente anche nucleare; le sanzioni da inasprire, ma anche il rischio di conseguenze che potrebbero minare la solidarietà agli ucraini; il problema delle sinistre rispetto alla Nato e il paragone con l’Iraq. Intervista a Jeff C. Isaac.

LA RUS' DI KIEV
Intervista a Francesco Cataluccio di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
La storia complicata dell’Ucraina, che inizia ben prima della Russia e che è all’origine della sua nascita; dominata dai polacchi e poi dai russi, a differenza della Polonia questi ultimi non li ha mai odiati, mentre ora l’odio potrà durare per centocinquanta anni; il genocidio per fame perpretato da Stain e l’idea nefasta, cara a Putin, che dove si parla la stessa lingua è un unico paese; l’incredibile impreparazione dell’esercito russo. Intervista a Francesco Cataluccio.

UNA POLONIA COSI' BELLA...
Intervista a Konstanty Gebert di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Una Polonia accogliente, generosa, dove non c'è ormai famiglia che non ospiti qualche profugo ucraino; un clima che ricorda i primi mesi di Solidarnosc e però anche le prime avvisaglie di una situazione che, in assenza di politiche adeguate e di uno Stato efficiente, con il passare delle settimane rischia di trasformarsi in una bomba a orologeria; la Bosnia dimenticata e il ritorno della plausibilità della guerra in Europa. Intervista a Konstanty Gebert.