Tutte le interviste

Nome Cognome Dal Al
Argomento Dal Al
Ricerca Dal Al

Risultati della ricerca: 14

Una Città 294 / 2023
LI' ASSAGGIAI LA VITTORIA
Intervista a Issa Amro di Barbara Bertoncin
Il tragitto che ha portato un giovane palestinese di Hebron, nato e vissuto in regime di occupazione dove, se palestinese, sei colpevole fino a prova contraria, alla scelta della non violenza come lotta per la difesa dei diritti dei palestinesi; i risultati ottenuti e la risonanza oltre i confini di Israele; la prima battaglia, quella delle macchine fotografiche; l’incontro con ebrei israeliani e della diaspora americana e la fine dell’odio. Intervista a Issa Amro.

Una Città 284 / 2022
UN SOLO STATO DEMOCRATICO
Intervista a Jeff Halper di Stefano Ignone
La questione palestinese non è più al centro dei problemi israeliani, non lo è più neanche per l’Autorità palestinese e infine non lo è più per il mondo; Amnesty international ha sancito una situazione di apartheid e nessuno ha detto nulla; l’unico dato positivo, paradossalmente, è che nessuno più crede ai due stati e quindi si può ricostruire una politica sulla prospettiva di un solo stato democratico, forse a partire dai palestinesi israeliani. Intervista a Jeff Halper.

Una Città 251 / 2018
Quello spazio bianco
Intervista a Dan Bar-On, Sami Adwan di Barbara Bertoncin
Intervista a Dan Bar-On e Sami Adwan su "La storia dell'altro"

Una Città 214 / 2014
COME DICEVA ANCHE BARACK...
Intervista a David Calef di Barbara Bertoncin
Il tentativo, da parte di JCall, movimento di ebrei europei nato nel 2010 per dar voce a chi pensa ­­che sostenere Israele significa anche criticare il suo governo, di guardare a ciò che sta succedendo tenendo conto della genesi di questo conflitto; l’ostinazione nell’espandere le colonie nei Territori occupati, scelta antitetica alla dichiarata volontà di pace; gli ebrei europei, soprattutto francesi, che non sentendosi più sicuri decidono di emigrare in Israele. Intervista a David Calef.

Una Città 192 / 2012
LA PROFEZIA DELLO STOLTO
Intervista a Zvi Schuldiner di Sabina Leoncini
Un movimento, quello israeliano “delle tende”, esploso la scorsa estate per rivendicare una maggiore giustizia sociale, contro un sistema che esclude sempre più persone; il fallimento di una politica che non disegna più scenari futuri; la reticenza a parlare della situazione dei palestinesi. Intervista a Zvi Schuldiner.

Una Città 186 / 2011
L'ARMA DELL'ARCHEOLOGIA
Intervista a Mahmoud Hawari di Barbara Bertoncin e Enrica Casanova
Anche tra i giovani archeologi israeliani iniziano a sorgere perplessità su un’archeologia che parte dalla narrazione biblica per trovare conferme sul campo; le critiche della Scuola di Copenhagen e il mito di Masada; la speranza che anche i palestinesi si appassionino al loro patrimonio. Intervista a Mahmoud Hawari.

Una Città 167 / 2009
CHE FARE CON L'IRAN?
Intervista a Andrew Arato di Barbara Bertoncin
Un bombardamento israeliano degli impianti nucleari iraniani sarebbe una catastrofe per i riformisti iraniani e per l’intera regione; la contrarietà di Obama e dei generali americani; mantenere il monopolio nucleare in Medio Oriente e non fare lo Stato palestinese, gli obiettivi di Netanyahu; intervista a Andrew Arato.

Una Città 162 / 2009
GAZA, L’IRAQ, L’IRAN...
Intervista a Andrew Arato di Barbara Bertoncin
Una guerra, quella di Israele, ingaggiata per lanciare un messaggio a Obama, e, forse, per rendere più difficile l’annunciato dialogo con l’Iran. Un Iraq senza costituzione che con l’inevitabile ritiro degli americani, forza occupante ma con un ruolo, oggi, di peacekeeping, sembra avviato di nuovo verso il baratro. Intervista a Andrew Arato.

USCIRE E VEDERE LA DEVASTAZIONE...
Intervista a Eyad El Sarraj di Barbara Bertoncin
Gaza, all’indomani del ritiro israeliano, è un luogo di desolazione materiale e psicologica; la preoccupazione per i traumi, soprattutto quelli dei bambini, e per i loro effetti futuri. Intervista a Eyad El Sarraj.

Una Città 161 / 2009
LE LORO STORIE...
Intervista a Mohammad Bakri di Enzo Ferrara, Carlo Tagliacozzo
L’infanzia in un villaggio della Galilea e poi gli studi artistici e l’incontro con Emile Habibi, intellettuale, padre della letteratura palestinese dell’assurdo; l’importanza di raccontare la verità, a tutti i costi; le traversie del documentario “Jenin, Jenin” che gli ha procurato l’accusa di vilipendio... Intervista a Mohammad Bakri.