internazionalismo

Trovati 296 elementi per questo argomento.

Una Città 176 / 2010
CI VORREBBE ALMENO UN HOTEL
Intervista a Valentina Gagic, Dijana Jukic, Muhamed Avdic e Almir Dudic di Barbara Bertoncin, Edi Rabini e Andrea Rizza
L’infanzia a Srebrenica e poi l’arrivo della guerra e la decisione di andarsene con la famiglia, e poi il ritorno, la casa da ricostruire, gli amici che se ne vanno, il peso di un passato ancora tabù... e però la voglia di ricominciare, di ricostruire una comunità, di far tornare i turisti... intervista a Valentina, Dijana, Muhamed, Almir.

L'ERA DELL'INDIVIDUO
Intervista a Pietro Marcenaro di Massimo Tesei
Una dinamica profonda, con al centro il conflitto fra ortodossia e modernizzazione, preesistente alla stretta del 2009, ha bisogno di tempo per svilupparsi; il 70% della popolazione sotto i trent’anni; a scanso di effetti boomerang la questione nucleare deve essere ispirata a valori universali e di equità. Intervista a Pietro Marcenaro.

Una Città 175 / 2010
IN CARCERE HO IMPARATO L'ARABO
Intervista a Rami Livneh di Joan Haim
L’esempio del padre, da sempre impegnato a fianco dei palestinesi, e poi l’adesione al Matzpen, gli anni della militanza, l’arresto, la lunga detenzione e infine il ritorno alla vita normale e la scelta di portare avanti le proprie battaglie in modo diverso, inedito: insegnando l’arabo agli israeliani; intervista a Rami Livneh.

I NOSTRI FIGLI VANNO A BELGRADO
Intervista a Igor Rajner di Barbara Bertoncin, Edi Rabini e Andrea Rizza
A 15 anni dalla fine della guerra, la Bosnia versa ancora in una situazione, non solo economica, difficile, che spinge tanti giovani a lasciare il paese; le critiche alla costituzione e a Dayton; un passato doloroso che impedisce di tornare alla normalità; le speranze nell’Europa e nella nuova generazione; intervista a Igor Rajner.

Una Città 174 / 2010
LA PIU’ GRANDE INVENZIONE
Intervista a Abdesselam Cheddadi di Barbara Bertoncin, Joan Haim
Il rischio che l’estrema eterogeneità della società marocchina, fra due lingue malconosciute entrambe, grandi disparità economiche e sociali, la convivenza dell’arcaico con il nuovissimo, blocchi uno sviluppo equilibrato; la separazione fra stato e religione resterà lo snodo decisivo. Intervista ad Abdesselam Cheddadi.

Una Città 172 / 2010
MADRE DI YAKUB
Intervista a Jennie Feldman di Joan Haim e Claudia Rosenzweig
L’esperienza di un’associazione, Humans Without Borders, che cerca di far curare bambini palestinesi ammalati in ospedali israeliani, facendoli passare fra i tanti posti di blocco; l’imperativo morale che spinge tanti israeliani a far qualcosa per i palestinesi pur in un contesto politico di disperazione. Intervista a Jennie Feldman.

Una Città 171 / 2010
POSSO SEMPRE ANDARE IN ECUADOR!
Intervista a Vjosa Dobruna di Enrica Casanova e Massimo Tesei
All’indomani delle elezioni locali, in cui questa volta hanno votato anche i serbi, il Kosovo si presenta come un paese “quasi normale”; il paradosso di un paese al centro dell’Europa i cui abitanti non possono andare da nessuna parte e i problemi di un’economia che stenta a partire; intervista a Vjosa Dobruna.

VERSO GAZA
Intervista a Carlo Tagliacozzo di Massimo Tesei
Il progetto, fallito, di rompere l’inaccettabile assedio cui è sottoposta la popolazione di Gaza con una marcia internazionale a cui hanno aderito persone provenienti da 43 paesi; l’errore di sottovalutazione nei confronti dell’Egitto; le manifestazioni al Cairo e le lezioni apprese per il futuro; intervista a Carlo Tagliacozzo.

C'ERA UN'ASSISTENTE SOCIALE, UN MEDICO, UN RICERCATORE...
Intervista a Martina Pignatti Morano di Massimo Tesei
Intervista a Martina Pignatti Morano.

Una Città 170 / 2010
LA NOSTRA CASA
Intervista a Dalia Landau di Massimo Tesei
Quella mattina, poche settimane dopo la fine della guerra, in cui si presentarono tre palestinesi e chiesero di dare un’occhiata alla “loro” casa, la difficile scelta di farli entrare e poi la nascita di un’amicizia e la decisione di fare della propria casa una “open house” per israeliani e palestinesi; intervista a Dalia Landau.