Tutte le interviste

Nome Cognome Dal Al
Argomento Dal Al
Ricerca Dal Al

Risultati della ricerca: 174

Una Città 123 / 2004
CINQUANT’ANNI DI SILENZIO
Intervista a Krzysztof Czyzewski di Lanfranco Di Genio
Il trauma di un’Europa che non prese le difese della Sarajevo multiculturale. La grande tradizione socialista polacca. Il retaggio comunista, di un internazionalismo falso e oppressivo intrecciato con il nazionalismo, alla base della diffidenza verso Bruxelles. Il problema di una memoria rimossa per decenni e la scoperta, tramite un libro, di non essere stati, nella seconda guerra mondiale, solo vittime. Intervista a Krzysztof Czyzewski.

Una Città 121 / 2004
LA RESISTENZA MAI RACCONTATA
Intervista a Gabriella Gribaudi di Katia Alesiano
Un’occupazione, quella tedesca nel meridione, costellata di stragi, rappresaglie, vessazioni sistematiche. L’uccisione dei maiali e il razzismo che le umiliazioni gratuite tradivano. Una resistenza popolare, che conobbe la rivolta in armi dei napoletani, ma anche la non collaborazione, l’ospitalità ai fuggiaschi, agli ebrei, la fedeltà a canoni tradizionali. Un unico modello celebrato di resistenza. Intervista a Gabriella Gribaudi.

Una Città 120 / 2004
PARIGI, 17 OTTOBRE ’61
Intervista a François Gèze di Barbara Bertoncin, Anna Devoto
Alla vigilia della fine della Guerra d’Algeria un corteo di immigrati algerini che protesta per il coprifuoco selettivo decretato dal prefetto Papon viene attaccato dalla polizia che spara sulla folla, scatena la caccia all’uomo, uccide a sangue freddo, getta cadaveri nella Senna. Alla fine saranno 3 o 4 i morti dichiarati invece degli oltre 200 reali. Un fatto rimosso da tutti, anche dall’Fln già in preda a lotte fratricide. Intervista a François Gèze.

Una Città 119 / 2004
MITTERAND SARA’ GIUDICATO
Intervista a Boubacar Boris Diop di Lanfranco Di Genio
Un gruppo di scrittori africani ha vissuto per due mesi in Rwanda per poi raccontare il genocidio. Il problema che pone l’uso della fantasia letteraria e di lingue leggibili da pochissime persone. Le responsabilità storiche gravissime delle potenze coloniali e quelle politiche, altrettanto gravi, della Francia rispetto al genocidio. Il pregiudizio razzista che l’Africa sia un problema in sé, che sia diversa. Intervista a Boubacar Boris Diop.

Una Città 118 / 2004
L’ANTISEMITISMO FENOMENO DI PERIFERIA?
Intervista a Pierre Vidal-Naquet di Barbara Bertoncin
Cos’è l’antisemitismo oggi? E’ soprattutto un fenomeno delle periferie dove si ripercuote l’astio, l’odio degli arabi contro Israele? E’ giusto, e utile, lo statuto di eccezionalità concesso a Israele? Risponde Pierre Vidal-Naquet.

Una Città 113 / 2003
QUELLO E' STATO L'ULTIMO GIORNO...
Intervista a Hajra Catic di Barbara Bertoncin


Una Città 111 / 2003
SIAMO NEL MONDO DI ORWELL
Intervista a Pierre Vidal-Naquet di Gianni Saporetti, Vanda Fava
Intervista a Pierre Vidal-Naquet

Una Città 109 / 2002
LA GIORNATA DELLA MEMORIA
Intervista a Vittorio Foa di Gianni Saporetti, Massimo Tesei


SEME E LIEVITO
Intervista a Severino Saccardi di Gianni Saporetti
L’attenzione alle ragioni degli ultimi, degli umiliati, resta la lezione fondamentale di Ernesto Balducci, così come per don Milani, anche se lui non sentiva il bisogno di andar dai poveri, perché da lì veniva. Il mondo dell’Amiata di Lazzaretti, delle lotte dei minatori e delle utopie. La sua idea di un pacifismo anche politico, che sapesse porsi i problemi concreti di un governo planetario. Intervista a Severino Saccardi.

Una Città 106 / 2002
LO SPAZIO BIANCO FRA I DUE RACCONTI (I)
Intervista a Sami Adwan e Dan Bar-On di Barbara Bertoncin
L’impegno di un gruppo di professori israeliani e palestinesi a “disarmare la storia”, intanto provando a riscrivere insieme un manuale per le scuole. Le due versioni “propagandistiche” a un confronto spesso reciprocamente doloroso e aspro. La scelta, per ora, di tenere affiancate le due narrazioni, tradotte in entrambe le lingue. Un’esperienza coraggiosa che sta appassionando i protagonisti e suscitando curiosità. Intervista a Sami Adwan e Dan Bar-On, e a Adnan Musallam e Eyal Naveh.