problemi di lavoro

Trovati 284 elementi per questo argomento.

Una Città 147 / 2007
IL BUON LAVORO
Intervista a Anna Soru di Barbara Bertoncin
La situazione, paradossale, dei lavoratori autonomi con partita Iva, equiparati quasi a dei dipendenti sul piano contributivo e alle imprese sul piano fiscale. L’assurdità degli studi di settore, misura vessatoria per i piccoli e facile strumento di evasione per i grandi. Un problema giuridico, prima ancora che culturale. L’inspiegabile simpatia della sinistra per il lavoro sotto padrone. Intervista ad Anna Soru.

Una Città 146 / 2007
L’ANGOSCIA DI QUEL CANCELLO
Intervista a Dunja di Massimo Tesei
Decidersi a venir via, arrivare in una stazione di Bologna con pochi dollari in tasca, trovarsi a far la badante dopo due giorni... E poi la fabbrica metalmeccanica, la voglia di far bene, l’inimicizia dei colleghi, il diploma preso usando la notte... Intervista a Dunja.

Una Città 145 / 2007
QUATTRO AMICI APPENA LAUREATI...
Intervista a Andrea Marcucci di Paola Sabbatani
Una laurea in fisica e il desiderio di tenere assieme gli studi compiuti e la passione politica. Un centro sociale in cui trovarsi a far progetti sulle energie rinnovabili, un rapporto ancora discutibile con le istituzioni, le difficoltà economiche della cooperativa, ma anche la soddisfazione di fare un lavoro che piace. Intervista a Andrea Marcucci.

Una Città 144 / 2007
QUATTRO ETTARI
Intervista a Francesco Colace di Joan Haim
Dopo aver studiato e viaggiato, l’idea di ritornare in una regione, la Calabria, che molti continuano ad abbandonare. Un sodalizio familiare fatto di gesti di grande generosità, ma anche di visioni opposte su come si coltiva la terra. Gli infiniti adempimenti burocratici e la difficoltà di produrre un reddito dignitoso rimanendo piccoli. La scelta di non comparire sulle guide. Intervista a Francesco Colace.

IL NEGOZIO
Intervista a Piero e Roberto Bortolotti di Paola Sabbatani
Due fratelli e una bottega che si tramanda da generazioni. La concorrenza di supermercati e centri commerciali, contrastata con la scelta del “fresco”, la qualità, prezzi giusti e massima elasticità negli orari. Un mestiere, quello del salumiere, che va imparato e che però nessuno insegna più. L’importanza dei “posteggi” per gli anziani e l’idea della bacheca di quartiere. Intervista a Piero e Roberto Bortolotti.

Una Città 141 / 2006
GIOVANE CON ESPERIENZA
Intervista a Stefano Laffi di Katia Alesiano
Una preferenza dei giovani alla flessibilità, alla possibilità di far esperienza, a cui corrisponde un’offerta molto povera, ridotta a mero sfruttamento occasionale. La giungla dei lavori a progetto, la maggior parte dei quali non va a buon fine. Un mercato del lavoro che non offre più relazioni forti mentre è ormai l’agenzia educativa più importante. Il rifugio nel consumo. Intervista a Stefano Laffi.

Una Città 140 / 2006
LA PICCOLA COOPERATIVA
Intervista a Lucia Bertell, Tonia De Vita, Roberta Del Bene, Lara Corradi di Barbara Bertoncin
Un gruppo di compagne di università, femministe, che mettono su un’impresa sociale, cimentandosi con bilanci, soldi, tutele, voglia di farcela ma anche volontà di salvaguardare altri spazi, anche lavorativi, poi la decisione di restare piccoli, i rapporti coi committenti che sono gli amministratori, le soddisfazioni di un lavoro nei quartieri... Intervista a Lucia Bertell, Tonia De Vita, Roberta Del Bene, Lara Corradi.

DALLE PERIFERIE E DAI LICEI...
Intervista a Dominique Vidal
Una lotta, quella contro i precari contratti di primo impiego, che ha unito giovani di tutte le classi sociali; un senso di incertezza per il futuro che si diffonde anche nel ceto medio; l’emulazione della rivolta delle banlieues; una resistenza all’abbandono delle conquiste sociali che è molto forte. Intervista a Dominique Vidal.

CAMBIARE LA CONCEZIONE DELLE GARANZIE
Intervista a Jean Christophe Le Duigou di Barbara Bertoncin
Intervista a Jean Christophe Le Duigou.

Una Città 139 / 2006
TI SVEGLI E NON SAI QUALI SONO LE REGOLE
Intervista a Tiziana Iorio di Barbara Bertoncin
La fatica di fare l’imprenditrice edile a Napoli, rischiando in proprio, e con passione per il proprio lavoro, a fronte di un assistenzialismo che distrugge una sana concorrenza. Risanare insegna a conoscere materiali millenari straordinari come il tufo. Impegnarsi per la cura, la manutenzione del proprio quartiere e anche per sventare interventi autoritari, spesso assurdi, del Comune. Intervista a Tiziana Iorio.