Tutte le interviste

Nome Cognome Dal Al
Argomento Dal Al
Ricerca Dal Al

Risultati della ricerca: 172

Una Città 258 / 2019
BZ 18-45
Intervista a Andrea Di Michele
Un percorso espositivo studiato per storicizzare e depotenziare un monumento eretto dal fascismo per celebrare la vittoria contro l’Austria-Ungheria, ma soprattutto per sancire l’italianità del territorio annesso nel 1919; un arco che per decenni aveva rappresentato un elemento di tensione e divisione. Un progetto coraggioso, il cui successo si deve anche al processo di maturazione della società e delle sue istituzioni. Intervista a Andrea Di Michele.

Una Città 253 / 2018
Ballast-existenzen (esistenze zavorra)
Intervista a Clara Mansfeld e Christian Marx di Simone Belci
Il testo fondamentale del 1920 sulla “vita indegna di vita” a cui faranno riferimento i nazisti con le prime campagne di sterilizzazione forzata a partire dal ‘34 e poi con il progetto T4, dal nome della strada in cui si organizzò lo sterminio di almeno 70.000 vittime; una medicina al servizio del “corpo nazionale”, intaccato, per i nazisti, da schizofrenia, cretinismo, epilessia e alcolismo; in ogni luogo in cui si svolse il T4 un memoriale. Intervista a Christian Marx e Clara Mansfeld.

Una Città 251 / 2018
La giornata della memoria
Intervista a Vittorio Foa di Gianni Saporetti, Massimo Tesei
Intervista a Vittorio Foa sulla giornata della memoria, dicembre 2001

Una Città 243 / 2017
LA CULTURA DELLA MEMORIA
Intervista a Tomasz Kizny di Lanfranco Di Genio
­­La realtà dei gulag, dove milioni di prigionieri morirono di fame, completamente sfiniti per le dure condizioni di lavoro, i loro corpi congelati e sotterrati senza tombe e senza nome; il terrore della vita quotidiana nel campo dove si poteva finire, sotto Stalin, anche solo per una parola sbagliata; l’indifferenza degli intellettuali europei per la storia dei gulag sovietici; il lungo viaggio attraverso la Siberia alla ricerca delle foto dei gulag e di ciò che ne rimane. Intervista a Tomasz Kizny.

Una Città 227 / 2016
VIVA BATTISTI VIVA MATTEOTTI!
Intervista a Mimma Battisti, Marco Battisti di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Giornalista, geografo, socialista e irredentista italiano, Cesare Battisti si impegnò fin da giovanissimo per far conoscere, e amare, il Trentino ai trentini; il forte legame con l’austro-socialismo e poi però l’arrivo della guerra e quindi la scelta di schierarsi e di arruolarsi con gli italiani; le riflessioni sul "giusto" confine; la figura luminosa della moglie Ernesta conosciuta a Firenze quando animava la "chiesuola" di via Lungo il Mugnone con Salvemini, e che portò avanti le sue battaglie. Intervista a Mimma e Marco Battisti.

Una Città 224 / 2015
MONUMENTI DIFETTOSI
Intervista a Adachiara Zevi di Barbara Bertoncin
Le pietre d’inciampo, sampietrini di ottone in memoria delle vittime del nazismo, sono un esempio dei cosiddetti “monumenti per difetto”, che appunto difettano di monumentalità; il memoriale di Eisenman e il Mausoleo delle Fosse ardeatine, fino al caso estremo del “contro-monumento” della colonna di Gerz, nel cui progetto era prevista anche la sua scomparsa, proprio a evidenziare che la responsabilità della memoria passa dal monumento ai cittadini. Intervista ad Adachiara Zevi.

Una Città 208 / 2013
UN PENSATORE LIBERO
Intervista a Luca Tarantelli di Alberto Mattei
Ezio Tarantelli, un gran lavoratore, un educatore che sapeva combinare gioco, inventiva e disciplina; il protocollo Lama-Agnelli del ‘75 sulla scala mobile e la sua previsione sul pericolo di inflazione; il duello fra Craxi, Berlinguer e la Cgil e la decisione delle Brigate Rosse di inserirsi in quel clima di scontro; un uomo ponte fra varie istituzioni. Intervista a Luca Tarantelli.

Una Città 201 / 2013
LE STOLPERSTEINE
Intervista a Harald Stingele di Ildico Dornbach
Le “pietre di inciampo”, piccole targhe di ottone incastonate sui marciapiedi, a ricordo, per chi ci cammina sopra, che lì accanto, un tempo ci abitava un ebreo che fu deportato e non tornò più, si stanno diffondendo in tutta la Germania e anche in Europa; la lotta perché non venga abbattuta la sede della Gestapo di Stoccarda. Intervista a Harald Stingele.

Una Città 198 / 2012
DUE PUNTI E VIRGOLETTE
Intervista a Riccardo Orioles di Barbara Bertoncin
L’esperienza de “I Siciliani” di Pippo Fava, luogo di passione civile e politica, ma anche di rigoroso apprendimento di un mestiere; le inchieste sulla mafia, le minacce e poi i giorni bui che seguirono alla morte del direttore; l’esperienza del giornale autogestito da un gruppo di giovani, che va avanti. Intervista a Riccardo Orioles.

Una Città 192 / 2012
NON CI SONO NOMI ARABI
Intervista a Dominique Vidal di Francesca Barca
L’antisemitismo, comparso dapprima come odio religioso, nella forma dell’antigiudaismo cristiano, nel XIX secolo diventa odio razziale; la specificità, ma non l’unicità, della Shoah e il problema della “concorrenza tra memorie”; l’antislamismo, oggi più diffuso dell’antisemitismo. Intervista a Dominique Vidal.