Tutte le interviste

Nome Cognome Dal Al
Argomento Dal Al
Ricerca Dal Al

Le interviste dell'ultimo numero

NON CI SAREMMO PIU’
Intervista a Oxana Pachlovska di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Cosa significava denazificare? Significava distruggere l’Ucraina e la sua cultura fatta di pluralismo, multiculturalismo, multilinguismo; una “bulimia politica” che da sempre caratterizza la Russia; l’ordine di fare come nei Balcani: violentare, uccidere, razziare; senza la resistenza degli ucraini oggi Kiev sarebbe come Bucha; Putin è riuscito a seminare in Ucraina un odio per i russi, che non c’era, e che ora durerà per decenni. Intervista a Oxana Pachlovska.

LA DEMOCRAZIA SOVRANA
Intervista a Antonella Salomoni di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
La frustrazione della fine dell’impero sovietico e l’involuzione in una democrazia basata sulla sovranità e sulla “civiltà russa“, con forti accenti reazionari e conseguenti epurazioni nella scuola, nel mondo della cultura e della ricerca; la “tutela dei compatrioti”, cioè di coloro rimasti esclusi nella disintegrazione dell’impero; le nuove regole della cittadinanza; la prima volta nella storia russa di un attacco a Lenin. Intervista ad Antonella Salomoni.

LA MORSA DI FERRO DELLA MADREPATRIA
Intervista a Maxim Grebenyuk di Meduza
Mentre la guerra della Russia all’Ucraina continua a imperversare, sulla stampa affiorano sempre più storie di soldati russi che si rifiutano di svolgere il servizio militare per non partecipare alle battaglie; casi di alto profilo, o molto numerosi, di diserzioni per insufficienti cure o per informazioni scorrette sulle missioni; un sistema che, per tutelare la segretezza sul reale rendimento dell’esercito, evita le controversie legali. Intervista a Maxim Grebenyuk.

"CHE VUOL DIRE 'DISPERSO IN COMBATTIMENTO'? MIO FIGLIO E' MORTO?"
Intervista a Tatyana Yefremonko, Yulia Tsyvova di Meduza
Meduza intervista le madri dei soldati di leva in servizio sul Moskva, l’incrociatore da guerra russo colpito il 13 aprile scorso e affondato il giorno seguente.

FARE BENE LE COSE SEMPLICI
Intervista a Claudio Giunta di Iacopo Gardelli
Il rischio che nella scuola, invece di spiegare che le cose sono complesse, ambigue, si scelga la via della “sensibilizzazione” alle buone cause, secondo una specie di catechismo civile; l’importanza della libertà di discutere su tutto, anche, per esempio, se si può essere fascisti; un linguaggio, quello delle leggi, ridondante, complicato, una lingua italiana “colta“ nella sua accezione peggiore; l’insegnamento di Guido Calogero. Intervista a Claudio Giunta.

Cosa intendi dire?
Intervista a Chiara Frugoni di Gianni Saporetti
Il rapporto difficile e controverso con un padre severo, molto esigente, grande professore della Normale e storico importantissimo, scomparso prematuramente e divenuto così, per la figlia, un ’maestro silenzioso’. Ripubblichiamo un'ntervista del 1999 a Chiara Frugoni.