Tutte le interviste

Nome Cognome Dal Al
Argomento Dal Al
Ricerca Dal Al

Risultati della ricerca: 394

Una Città 173 / 2010
DA ITALIANO, TORNO VIA
Intervista a Papa Chissokho di Gianni Saporetti
Dopo diciannove anni, iniziati vendendo accendini e calze e dormendo per strada, e tanti anni passati a lavorare undici ore al giorno e anche il sabato e la domenica, e dopo aver ottenuto la cittadinanza italiana per sé, per la moglie e i figli, la decisione di tornare in Senegal a cercar la fortuna. Intervista a Papa Chissokho.

LA CHIERICHETTA
Intervista a Sara Manzoni di Andrea Babini
Un rapporto con la fede intenso e combattuto; l’insofferenza per tutte le pratiche e i riti maschilisti, nella consapevolezza che le dinamiche interne alla Chiesa sono uno specchio di ciò che accade fuori; la passione per una lettura femminista dei testi e l’incredibile vicenda di quel contratto riscritto; intervista a Sara Manzoni.

Una Città 172 / 2010
SI VIVE SEMPRE IN ATTESA
Intervista a Silvia Brena, Elisabetta Dodi, Matteo Lo Schiavo, Graziano Maino, Lucrezia Riccardi, Alberto Ponza di Barbara Bertoncin
Un gruppo di amici, perlopiù liberi professionisti, alle prese con problemi di identità professionale, reti, solitudine e precarietà; il sogno di una formula che tenga assieme la libertà della partita Iva con il mutuo aiuto della cooperativa e l’autogestione. Intervista a Silvia, Betta, Lucrezia, Graziano, Matteo, Pierluca e Alberto.

VITE BELLISSIME
Intervista a Michele Ranchetti di Omar Cercherini
La scuola per ragazzi in quel palazzo milanese sventrato, la Corsia dei Servi di Turoldo e Camillo, e Pierre che arrivò con il Tractatus di Wittgenstein; la speranza dei tempi lunghi e di una chiesa invisibile, il disgusto per l’oggi della chiesa visibile; l’illusione che il Concilio potesse cambiare le cose; l’idea di una fede che dice: “credi e sii libero”; il limite del cosmopolitismo nel non avere una lingua in cui scrivere; la concezione di un eros che attiene a tutta la vita umana. Intervista a Michele Ranchetti.

LE ASTE DI SOLITO LE PERDIAMO...
Intervista a Ginevra Bompiani e Roberta Einaudi di Edoardo Albinati e Barbara Bertoncin
La scelta di far libri comodi da leggere e anche belli; il piacere di inventare le collane, le copertine; la figura dell’editor; le difficoltà del piccolo editore, stretto fra la grande distribuzione, gli agenti che ormai hanno in mano i diritti, i librai che vendono i banchi e pure “le pile”. Intervista a Ginevra Bompiani e Roberta Einaudi.

Una Città 171 / 2010
SEI FALEGNAMI...
Intervista a Angelo Piccinin di Barbara Bertoncin e Fausto Fabbri
L’avventura di mettersi in società con sei operai rimasti senza lavoro dopo l’alluvione del ‘65; gli anni del boom del mobile quando la domanda era superiore all’offerta; gli orari di lavoro assurdi, l’apertura all’estero... e poi il mercato che diventa sempre più capriccioso, il magazzino ingestibile...; intervista a Angelo Piccinin.

L'AMICO DI GOBETTI
Intervista a Stefano Majnoni di Gianni Saporetti
La storia di Novello Papafava, cattolico liberale, che da giovane soldato riuscì a fornire l’analisi più lucida, tutt’ora valida, della disfatta di Caporetto; amico, oltre che del fondatore della Rivoluzione liberale, di Gaetano Salvemini, di Giovanni Amendola, di Carlo Rosselli che gli chiese di capeggiare il fronte antifascista; il suo tentativo di conciliare liberalismo e cattolicesimo; l’interesse per la psicoanalisi coltivato con l’amico Musatti; la proposta di De Gasperi. Intervista a Stefano Majnoni.

Una Città 170 / 2010
FUORI DALLE MURA C'E' TANTA GENTE
Intervista a Mauro Ortelli e Paolo Lombardo di Andrea Babini e Gianni Saporetti
Un’identità sessuale chiara fin dall’infanzia, le prime esperienze, fino alla maturazione del desiderio di un’affettività stabile, di una vita di coppia; l’eterno dilemma del dire o non dire, per non perdere gli affetti; il difficile rapporto con una Chiesa che costringe all’ipocrisia e il sogno di una comunità; intervista a Mauro e Paolo.

SALUTA PAPA'
Intervista a Liviana Collodet di Barbara Bertoncin
La relazione col marito che riprende quando tutto sembrava ormai perduto, e allora la casa, i progetti... fino all’arrivo, implacabile, della malattia; l’importanza di un luogo, l’hospice, in cui la fase terminale, e la morte stessa, possono essere vissute dignitosamente e rimanendo accanto ai propri cari; intervista a Liviana Collodet.

Una Città 169 / 2009
GLI EX ARTICOLO 111
Intervista a Giusi Garrubbo di Gianni Saporetti e Massimo Tesei
Diciannove anni di precariato, passati a inseguire un contratto dopo l’altro in Regione; a lavorare con contratti blindati dal punto di vista delle mansioni, senza la possibilità di farsi valere e di far valere gli studi fatti; intere generazioni di giovani laureati sprecate; il rifugio negli hobby e la speranza che... Intervista a Giusi Garrubbo.