Tutte le interviste

Nome Cognome Dal Al
Argomento Dal Al
Ricerca Dal Al

Risultati della ricerca: 401

Una Città 273 / 2021
IL LATO OSCURO DELL'ADOZIONE
Intervista a Mariagrazia La Rosa di Luciano Coluccia
Le difficoltà che nel 20-30 per cento dei casi si manifestano nelle famiglie con figli adottivi, dovute, spesso, a un’infanzia, nelle famiglie d’origine, segnata da solitudine, abusi, anaffettività; lo stress a cui sono sottoposti i genitori adottivi e l’utilità dell’allontanamento temporaneo, comunque deciso da un giudice; la funzione delle comunità terapeutiche dove accogliere i ragazzi caduti in una qualche dipendenza. Intervista a Mariagrazia La Rosa.

Una Città 269 / 2020
SIAMO POETI "SEROTINI"...
Intervista a Renzo Paris di Bettina Foa
La figura complessa di Amelia Rosselli, con la sua idea di pan-poesia, che tutto è poesia, le sue lingue, l’inglese e il francese, i suoi rapporti col gruppo 63 e con la neoavanguardia, e poi la sua famiglia con il padre ucciso dai fascisti e le persecuzioni antiebraiche che la costrinsero, da bambina, a riparare negli Stati Uniti e poi gli amici, da Moravia a Pasolini, Tobino e Scotellaro, e poi la malattia e gli psicofarmaci, il grande successo della sua poesia. Intervista a Renzo Paris.

Una Città 268 / 2020
IMPARZIALE, MA NON NEUTRALE
Intervista a Benedetto Terracini di Barbara Bertoncin
L’infanzia in Argentina, in fuga dalle leggi razziali fasciste, il rientro in Italia nel dopoguerra, gli studi di medicina e le prime ricerche sui fattori di rischio cancerogeno e poi l’arrivo del 68, i primi contatti con i sindacati e gli operai, il caso Ipca e gli studi sulle malattie causate dall’amianto; gli auspici per il domani: una scienza che resti libera dalle pressioni esterne e che sappia comunicare anche agli scettici, senza arroganza. Intervista a Benedetto Terracini.

Una Città 267 / 2020
E' ANDATA COSI'
Intervista a Georgeta Negrutiu di Paola Sabbatani
Decidere di venire in Italia ad accudire degli anziani dopo una vita di lavoro da dirigente statale; la tragedia della morte della sorella; la soddisfazione di poter aiutare i figli e il rischio per chi ha marito di diventare una specie di bancomat. Intervista a Georgeta Negrutiu.

IN UN PICCOLO COMUNE
Intervista a Giancarlo Dardi di Barbara Bertoncin
Cosa significa oggi amministrare un piccolo comune di una vallata, dove si vive bene, ancora ci si conosce tutti, l’ambiente è molto bello e però, a fronte di una popolazione sempre più anziana, calano i servizi, chiudono i negozi e le banche, i giovani vanno via; l’amarezza per le tante cose che si potrebbero fare per ripopolare un territorio, quello dell'Appennino, retroterra fondamentale della straordinaria via Emilia. Intervista a Giancarlo (Jader) Dardi.

Una Città 264 / 2020
A ME E' CAPITATO QUESTO
Intervista a Romina Scaloni di Paolo Via
L’incontro con un uomo di cui ci si innamora e con cui per un breve periodo si crede di vivere i mesi più belli della propria vita, ma tra le dolci parole e i gesti teneri c’è anche il virus dell’Hiv; la legge della privacy che in casi come questo non è giusta. Intervista a Romina Scaloni.

Una Città 263 / 2020
QUEL COMIZIO AL VIGORELLI
Intervista a Bruno Manghi di Gianni Saporetti
Durante la grande industrializzazione, negli anni Sessanta, quando si forma una generazione di giovani e combattivi sindacalisti, che pensano che il sindacato debba stare in fabbrica, che la contrattazione aziendale sia decisiva, che i sindacalisti non debbano fare i deputati, che l’unità sindacale sia necessaria, Pierre Carniti è uno dei loro leader; quello spirito missionario che si accompagnava al rispetto del sapere e della sua autonomia. Intervista a Bruno Manghi.

Una Città 262 / 2019
TRE DONNE
Intervista a Maria Minuca di Paola Sabbatani
La madre rimasta sola a lavorare in campagna dopo un matrimonio combinato, il lavoro in una fabbrica del cuoio che rende invalidi, una figlia che è stata ed è la sua ragione di vita, e la decisione di venire in Italia per fare la badante e un’altra vita. Intervista a Maria Minuca.

Una Città 260 / 2019
L'ETERNO E IL LINGUAGGIO DEI TEMPI
Intervista a Giovanni Tassani di Gianni Saporetti
La storia straordinaria di Gianni Baget Bozzo, intellettuale cattolico fattosi prete in età matura, che riuscì a tenere insieme teologia, mistica e passione politica, a passare dall’avversione al centrosinistra alla convinzione della necessità di un compromesso storico, fino alla militanza socialista; la Vergine di Guadalupe e il gran giorno in cui tornò a dir messa; la notte della depressione e il discorso di Onna di Berlusconi. Intervista a Giovanni Tassani.

Una Città 251 / 2018
Usare il dolore
Intervista a Ulla Barzaghi di Gianni Saporetti
Intervista a Ulla Barzaghi